Gli angeli della cooperativa sociale Sirena

Alla casa di riposo Rosina Rozzi di Nereto meno male che ci sono loro: gli angeli della cooperativa sociale Sirena. Ogni giorno accudiscono con amore gli ospiti, fino a metterli in contatto con il mondo esterno ora che non è più possibile, vista la “zona rossa” creata attorno alla struttura: con passione e tenerezza, reggono smartphone e tablet messi a disposizione dalla struttura per far parlare gli anziani con figli, nipoti e parenti.

Un amore alla persona, dunque, non solo un servizio da espletare: è proprio questo, del resto, il dna della cooperativa con sede a Tortoreto, e presieduta da Giuseppe Savini. Un dna che si riscontra anche nelle case per minori dove è presente Sirena, tutte in provincia di Teramo.

“Stiamo affrontando questa emergenza con grande dedizione – dice Savini – cercando di stare vicini con tutto noi stessi agli anziani e ai bambini. Ci siamo accorti che questa fase ci chiedeva qualcosa in più: far sentire agli ospiti quell’amore oggi meno percepito per via delle restrizioni. E dunque, abbiamo detto sì. Accanto ai nostri anziani e ai nostri bambini, con attività nuove, e tecnologia a disposizione per ricreare ponti con l’esterno. Sì, andrà tutto bene: ne siamo certi. È questo il nostro modo di cooperare!”

Questo elemento è stato inserito in NEWS. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *